Smart city e sostenibilità, contributi per ridurre le emissioni, mobilità dolce

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Produrre più energia di quanta ne consumiamo, strada tracciata con il progetto europeo “Making City”, e progettare insieme l’area vasta sostenibile del futuro.

Se ne parla molto in questi giorni e anche in Italia qualcuno scherza sull’argomento o sminuisce la portata delle preoccupazioni, sulla scia di quanto fa il presidente americano Donald Trump. Io credo invece che, anche a Bassano, quella dell’ambiente sia la vera sfida da vincere nei prossimi anni”.

Introduce così le proprie note di programma sui temi ambientali e dell’energia, Angelo Vernillo, candidato sindaco di Bassano. Che fare?

Dobbiamo ridurre l’inquinamento muovendoci in due direzioni: la prima è la visione a lungo termine di una città energeticamente positiva, ossia che produca più energia di quella che consuma, ed energia pulita: sembra fantascienza ma col progetto europeo che abbiamo vinto, ‘Making City’, lo stiamo già vedendo e imparando da chi lo mette pratica da tempo. Quello della città smart è quindi un percorso già ben tracciato e sul quale ho fatto più di un passo durante la scorsa amministrazione”.

“Occorre quindi lavorare sul fronte delle emissioni. Si può farlo anche a partire dalla dimensione locale. La mia seconda idea è infatti quella di incentivare, da subito, anche mediante contributi concreti, le scelte e le azioni positive, perché i cittadini rottamino le caldaie più inquinanti e i sistemi di riscaldamento obsoleti e pericolosi, migliorino i propri edifici con interventi di miglioramento energetico. E poi, ovviamente il traffico automobilistico. Qui la visione futura s’interseca con quanto già detto in tema di mobilità e viabilità. Promuoveremo, fin dalla strategia per il nuovo assetto della circolazione, una misurabile riduzione del traffico veicolare a favore di altri modalità di spostamento, più dolci”.

Vernillo ricorda quindi alcune tra le politiche e le azioni intraprese in questi campi dalla giunta uscente, sia sul fronte delle realizzazioni, sia su quello altrettanto sensibile della promozione: “La collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, che ha portato alla costruzione e all’inaugurazione di un rilevante sistema di piste ciclabili, gli eventi ‘Green to School’ e ‘Green to Work’; le facilitazioni per la mobilità elettrica (parcheggi e colonnine) le 5mila piante su quasi 3 milioni di mq in aree verdi curate e alimentate, dal 2016, senza ricorrere ad alcun prodotto chimico. La raccolta differenziata da record, che sfiora l’80% oggi”.

E, infine, Angelo Vernillo parla di leadership: “Agire da cuore pulsante di una grande area significa di sicuro conservare o recuperare gli uffici e i presidi pubblici, ma passa anche per la capacità di immaginare e progettare buone pratiche e un futuro più sostenibile per tutti. Per questo sono particolarmente orgoglioso del progetto europeo Making City. Stiamo già costruendo una città e con essa un’area vasta vivibiliper tutti e rispettose dell’ambiente. Avanti”.