La sicurezza: più videosorveglianza, controllo di vicinato, polizia locale in comune con tutto il territorio

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Una strada già tracciata dagli ottimi risultati conseguiti come assessore specifico negli ultimi 5 anni.

Abbiamo fatto parecchio negli ultimi anni, e credo l’abbiamo fatto piuttosto bene. Bassano è oltre ogni dubbio una città sicura. Un dato che è riconosciuto universalmente alla giunta uscente e, se posso, in particolare a me. Ma si può sempre migliorare e non ho certo intenzione di fermarmi”.

La strada è già tracciata e gli ottimi risultati confermano sia quella giusta. Partiamo dalla videosorveglianza. Siamo passati da 35 videocamere nel 2014 alle 120 attuali. Il traguardo della prossima amministrazione è estendere il controllo tramite videocamera a tutti i quartieri. Per il 2019, oltre alle tre di tipo mobile già installate o in fase di installazione a San Vito, Marchesane e Angarano, ne sono già state finanziate altre due”.

Rimanendo ai quartieri, è mia intenzione incentivare e intensificare le buone pratiche della sorveglianza partecipata. Siamo stati i primi ad accordarci con la prefettura sul controllo di vicinato, già funzionante ed efficace a San vito, San Marco e san Michele. L’intenzione è di arrivare a coprire ciascun quartiere e frazione, cominciando da Quartiere Firenze e Angarano, nei quali il progetto si trova ai nastri di partenza”.

Naturalmente i piani di Vernillo per garantire tranquillità, concreta e percepita, ai cittadini, passano anche per le forze dell’ordine, a cominciare dalla Polizia Locale, la cui gestione è un altro fiore all’occhiello del precedente mandato come assessore.

“L’aumento delle ore di servizio esterno (+ 18%), l’istituzione del servizio notturno, l’incremento degli strumenti tecnologici a disposizione degli agenti. Ma i risultati più eclatanti sono senza dubbio il nuovo Corpo Intercomunale, costituito interagendo con L’Unione Montana Valbrenta, e la partnership, di diversa natura, tra quest’ultimo e le forze locali dell’Unione Montana Marosticense. In questo senso i progetti sono obbligati e univoci: allargare le intese ad altri comuni, con l’obiettivo di unire i servizi dell’intera Area vasta bassanese. La leadership della città deve esprimersi anche in questo campo”.

Conclude il candidato: “Con Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza abbiamo collaborato in modo eccellente nel passato. Le premesse per un impegno comune altrettanto e ancor più efficace ci sono tutte. Ricordiamo che una buona sicurezza, effettiva e non basta solo sugli slogan, si costruisce ogni giorno – l’abbiamo imparato – e non dobbiamo mai abbassare la guardia”.